Comune di Rubiera

Ordinanza di divieto introduzione bottiglie di vetro nei parchi

Ord. n. 93 del 13 giugno 2017

Oggetto: DIVIETO DI INTRODURRE BOTTIGLIE O CONTENITORI DI VETRO PER IL CONSUMO DI BEVANDE ALL’INTERNO DI PARCHI, GIARDINI, DISTESE ATTREZZATE CON AIUOLE E PANCHINE, FRUIBILI AD USO PUBBLICO, FINO AL 30 SETTEMBRE 2017.

IL SINDACO

PREMESSO che negli anni passati si è verificato di frequente, nei periodi estivi, il rinvenimento
di cocci di vetro dovuti a rottura di bottiglie e/o contenitori simili all’interno di parchi urbani o
giardini ad uso pubblico e nelle aree verdi attrezzate con aiuole e panchine, con serio pericolo per
l’incolumità della cittadinanza con particolare riguardo ai bambini ed anche ad animali domestici,
abituali frequentatori di tali luoghi;

DATO ATTO che tale fenomeno si è accresciuto nel periodo estivo dell’anno 2014 raggiungendo
livelli non fisiologici, tant’è vero che l’Amministrazione ha dovuto attivare in numerose occasioni,
interventi urgenti di pulizia da questi vetri in modo particolare nei parchi Don Andreoli, Baden
Powel e Paduli, nonché nella distesa a verde attrezzato con aiuole e panchine ubicata in via Ariosto,
al fine di evitare il rischio di infortuni ai cittadini frequentatori;

DATO ATTO infine che, questi episodi di atti vandalici compiuti all’interno dei vari parchi ed altre
zone di verde pubblico attrezzato sono stati regolarmente denunciati alle Forze dell’Ordine le quali
sono intervenute sanzionando, in alcuni casi, i trasgressori;

CONSTATATO che a seguito delle Ordinanze Sindacali emanate nel 2015 e nel 2016 sono
radicalmente diminuite le segnalazioni sulla presenza di vetri rotti nei parchi e aree verdi del
Comune;

RITENUTO inaccettabile il ripetersi delle condizioni nelle quali, negli anni passati, da alcuni
frequentatori sono stati lasciati i parchi, giardini e distese verdi attrezzate, con la presenza di cocci e
frammenti di vetro sparsi per terra causati dalla rottura di bottiglie e contenitori in vetro;

CONSIDERATO che tra gli obiettivi dell’Amministrazione Comunale vi è quello di favorire la
sicurezza sociale, la partecipazione da parte dei cittadini al “bene comune” e incentivare azioni
rivolte al miglioramento e mantenimento del decoro urbano, riconoscendo agli spazi urbani la
funzione di luoghi di aggregazione sociale che favoriscono buona qualità della vita nella comunità
rubierese;

CONSIDERATO che l’adozione di un provvedimento restrittivo di divieto di utilizzo di bottiglie e
di altri contenitori in vetro nelle predette aree possa costituire un valido strumento di prevenzione
del degrado urbano, di comportamenti scorretti e antisociali e di miglioramento della sicurezza
sociale e decoro pubblico;

CONSIDERATO che la predetta situazione è fonte di pericolo per l’incolumità pubblica, con
particolare riguardo alle fasce più deboli come i bambini e animali domestici, per la sicurezza
urbana e per la normale convivenza civile;

RILEVATO che è prevedibile che il fenomeno si intensifichi soprattutto nel periodo estivo, in
considerazione della crescente tendenza delle persone ad aggregarsi nei luoghi quali parchi,
giardini, distese estive ad uso pubblico;

RITENUTO necessario intervenire preventivamente al fine di evitare possibili pericoli alle
persone, ai bambini e agli animali che frequentano gli spazi pubblici, adottando azioni finalizzate al
controllo di tali comportamenti attraverso il divieto di introdurre bottiglie o contenitori di vetro per
il consumo di bevande all’interno di parchi, giardini, distese attrezzate con aiuole e panchine ad uso
pubblico fino al 30 settembre 2017;

VISTO l’art. 54 comma 4 del Decreto Legislativo 18 agosto 2000, n. 267 e s.m.i.;

VISTO il D.M. 5 agosto 2008 del Ministero dell’Interno, rubricato “incolumità pubblica e
sicurezza urban: definizione e ambiti di applicazione”, in particolare :
art. 1 “Ai fini di cui all’art. 54, del decreto legislativo 18 agosto 2000, n, 267… per sicurezza
urbana si intende un bene pubblico da tutelare attraverso attività poste a difesa, nell’ambito delle
comunità locali, del rispetto delle norme che regolano la vita civile, per migliorare le condizioni di
vivibilità nei centri urbani, la convivenza civile e la coesione sociale”
art. 2 “Ai sensi di quanto disposto dall’art. 1, il sindaco interviene per prevenire e contrastare:
a) Omissis
b) Le situazioni in cui si verificano comportamenti quali il danneggiamento al patrimonio
pubblico e privato o che ne impediscono la fruibilità e determinano lo scadimento della
qualità urbana;
c) Omissis,
d) Omissis
e) I comportamenti che….. turbano il libero utilizzo degli spazi pubblici o la fruizione cui sono
destinati o che rendono difficoltoso o pericoloso l’accesso ad essi.

VISTO l’art. 7-bis del Decreto Legislativo 18 agosto 2000, n. 267 e s.m.i.;

RITENUTO di operare al fine di prevenire ed eliminare gravi pericoli che minacciano l’incolumità
pubblica e la sicurezza urbana ai sensi dell’art. 54 comma 4 del Dlgs 18 agosto 2000 n. 267 e
s.m.i.;

DATO ATTO che il provvedimento di cui all’ Ordinanza n. 61/2015 era stato preventivamente
comunicato al Prefetto che aveva espresso parere favorevole con nota 9 aprile 2015 n. 173/H/12.B.2
e il presente provvedimento ricalca esattamente quanto emanato nel 2015;

O R D I N A

1. nel territorio comunale è fatto divieto assoluto di introdurre bottiglie o contenitori
di vetro per il consumo di bevande all’interno di parchi, giardini, distese attrezzate
con aiuole o panchine ad uso pubblico fino al 30 settembre 2017;
2. chiunque contravvenga al divieto di cui al punto 1 è soggetto al pagamento di una
sanzione pecuniaria pari a € 50,00 (diconsi euro cinquanta//00), da comminare
anche attraverso l’utilizzo dei sistemi di videosorveglianza istallati;
3. il divieto di cui al precedente punto 1 non opera nel caso in cui la somministrazione
e la conseguente consumazione avvengano all’interno dei locali e delle aree del
pubblico esercizio o nelle aree pubbliche esterne, di pertinenza dell’attività,
legittimamente autorizzate con l’occupazione di suolo pubblico;
4. la presente ordinanza entra in vigore il giorno successivo alla pubblicazione
all’Albo Pretorio nei giorni di validità di cui al punto 1;

D I S P O N E
che la presente Ordinanza:
- venga pubblicata all’Albo Pretorio on line;
- venga resa nota a mezzo stampa locale e mediante avviso sul sito istituzionale del
Comune e mediante appositi manifesti affissi nei principali spazi pubblici;
- venga trasmessa alla Polizia Municipale dell’Unione Tresinaro Secchia e alla stazione
locale dei Carabinieri per il controllo sull’osservanza del provvedimento;

RENDE NOTO
Che avverso il presente provvedimento è proponibile il ricorso al TAR competente per
territorio entro sessanta giorni dalla pubblicazione della presente ordinanza ovvero entro 120
giorni per il ricorso straordinario al Presidente della Repubblica
Che responsabile del procedimento è il dott. Ing. Ettore Buccheri Dirigente Area Servizi al
territorio e sviluppo economico tel: 0522 622284; email: ettorebuccheri@comune.rubiera.re.it

IL SINDACO
(Emanuele Cavallaro)
firmato digitalmente

Ultimo aggiornamento: 13/06/17