Riaperture del 18 maggio: orari più flessibili, distese estive, protocolli. Arrivata ordinanza regionale. In aggiornamento.

1. Orari di apertura più flessibili

Il Sindaco, su richiesta delle associazioni di categoria e dopo avere consultato le attività interessate, ha disposto con apposita ordinanza la possibilità di tenere aperte le attività di “acconciatore, barbiere, estetista, tatuatore e piercing” dalle 7 alle 22 di tutti i giorni della settimana – domenica compresa – almeno fino al 31 luglio. L’accesso a queste attività avverrà su prenotazione, in base ai protocolli approvati, ed è dunque opportuno – al fine di evitare assembramenti – permettere alle attività di organizzarsi al meglio, in base alla loro clientela, per lavorare in piena sicurezza.
Qui c’è il testo dell’ordinanza.

2. La Regione Emilia-Romagna ha reso noti i propri “protocolli” di sicurezza per la ripartenza di molte attività

Alle ore 18 del 17/05 il Presidente della Regione ha trasmesso ai sindaci il testo dell’ordinanza n. 82 del 17/05, che ricomprende i protocolli di sicurezza delle attività in riapertura:
“A decorrere dal 18 maggio 2020 sono consentite le seguenti attività:
– commercio al dettaglio in sede fissa, commercio su aree pubbliche (mercati, posteggi fuori mercato e chioschi) agenzie di servizi (a titolo di esempio, agenzie di viaggio e agenzie immobiliari) nel rispetto delle indicazioni tecniche e operative definite dallo specifico protocollo regionale, allegato n. 1;
– servizi di somministrazione di alimenti e bevande ed attività, anche artigianali, che prevedono l’asporto e il consumo sul posto (a titolo esemplificativo bar, pub, ristoranti, gelaterie, pasticcerie) nel rispetto delle indicazioni tecniche e operative definite dallo specifico protocollo regionale, allegato n. 2;
– servizi alla persona (barbieri, parrucchieri centri estetici, centri tatuatori e piercing), nel rispetto delle indicazioni tecniche e operative definite dallo specifico protocollo regionale, allegato n. 3; pagina 6 di 176
– attività ricettive alberghiere, nel rispetto delle indicazioni tecniche e operative definite dallo specifico protocollo regionale allegato n. 4;
– strutture ricettive all’aria aperta, nel rispetto delle indicazioni tecniche e operative definite dallo specifico protocollo regionale, allegato n. 5;
– attività di apertura al pubblico dei musei e degli altri istituti e luoghi della cultura di cui all’articolo 101 del codice dei beni culturali e del paesaggio nel rispetto dei  principi contenuti nelle linee guida nazionali;
– tirocini extracurriculari a mercato, laddove il soggetto promotore, quello ospitante e il tirocinante concordino sul riavvio del tirocinio, ferma restando la possibilità di avviare o proseguire il percorso formativo con modalità a distanza; il tirocinio in presenza deve essere svolto, in ogni caso, nel rispetto delle indicazioni tecniche e operative definite nelle linee guida nazionali o nei protocolli regionali previsti per il settore e per lo specifico luogo di lavoro ove si realizza l’attività”;
Il testo integrale, insieme ai protocolli:
ORDINANZA 17 MAGGIO 2020 DECRETO N. 82_2020

3. Distese estive: esenzione canone occupazione suolo pubblico, semplificazioni

E’ attiva la nuova ordinanza “semplificata” ( Ordinanza n. 66 del 20 maggio)  che prevede disposizioni urgenti in materia di occupazione di spazi ed aree pubbliche in attuazione dell’art. 181 ” Sostegno delle imprese di pubblico esercizio” del Decreto Legge 19 maggio 2020, n. 34 “Misure urgenti in materia di salute, sostegno al lavoro e all’economia, nonchè di politiche sociali connesse all’emergenza epidemiologica da Covid-19” affinchè bar, ristoranti e negozi possano richiedere gratuitamente gli spazi tra le piazze e le strade di Rubiera al fine di poter garantire il loro servizio in tutta sicurezza. Alle previsioni del DL “Rilancio” il Comune di Rubiera ha incluso  i negozi che abbiano bisogno di un po’ di spazio per organizzarsi al meglio. Il tutto, ovviamente, nel rispetto del Codice della strada, dei protocolli di sicurezza e dei “passaggi” di pedoni e carrozzine. In allegato il modulo di richiesta in formato .pdf e  il modulo di richiesta  in formato  .odt :  alla domanda occorre allegare una planimetria, ed è prevista l’esenzione  per l’imposta di bollo.

 

Pubblicato in Notizia