Bollettino misure emergenziali rosso

A seguito della pubblicazione del  Bollettino Liberiamolaria del 15 gennaio. Allerta smog nei comuni delle province di Piacenza, Parma, Reggio Emilia, Modena, Bologna e Ferrara.

A partire da sabato 16 gennaio 2021 e fino al successivo giorno di controllo incluso trovano applicazione le seguenti misure:

  • valgono i divieti di circolazione di cui al precedente paragrafo 1 punto B estendendo però gli stessi anche ai veicoli diesel categorie M1, M2, M3, N1, N2, N3 omologati EURO 5;
  • valgono le limitazioni negli impianti di riscaldamento :   divieto di utilizzo di biomasse legnose (legna, pellet, cippato, altro) per riscaldamento domestico nelle unità immobiliari dotate di riscaldamento multicombustibile (in presenza quindi di un impianto di riscaldamento alternativo):
    – nei generatori di calore con classe di prestazione emissiva inferiore o uguale a “3 stelle”, cosi come definite dal Decreto del Ministero dell’Ambiente 7 novembre 2017 n. 186;
    – nei focolari-caminetti aperti o che possono funzionare aperti.
  • in tutto il territorio comunale:

a. obbligo di ridurre le temperature di almeno un grado centigrado negli ambienti di vita riscaldati (fino a massimo 19 °C nelle case, negli uffici, nei luoghi per le attività ricreative associative o di culto, nelle attività commerciali; fino a massimo 17 °C nei luoghi che ospitano attività industriali ed artigianali). Sono esclusi da queste indicazioni gli ospedali e le case di cura, le scuole ed i luoghi che ospitano attività sportive;
b. divieto assoluto di qualsiasi tipologia di combustione all’aperto (falò, barbecue e fuochi d’artificio, scopo intrattenimento, etc .. ), anche relativamente alle deroghe consentite dall’art. 182, comma 6 bis, del decreto legislativo 3 aprile 2006 n. 152 rappresentate dai piccoli cumuli di residui vegetali bruciati in loco;
c. divieto di spandimento dei liquami zootecnici e, in presenza di divieto regionale, il divieto di rilasciare le relative deroghe. Sono escluse dal divieto le tecniche di spandimento con interramento immediato dei liquami e con iniezione diretta al suolo
d. divieto di sostare con motore acceso per tutti i veicoli;
e. potenziamento dei controlli relativi al rispetto dei divieti di cui ai punti di cui sopra .