Giornata della Memoria 2023

In occasione della Giornata della Memoria 2023, a Rubiera avranno luogo diversi eventi da non perdere:

il 26 gennaio, presso la scuola primaria de Amicis alle 18.15, iniziativa promossa da Anpi Rubiera in collaborazione con Coop 3.0 e Comitato Genitori di Rubiera. donazione del libro “La Costituzione spiegata ai bambini” alla presenza della Dirigente dell’Istituto Comprensivo di Rubiera Dott.ssa Fiorella Magnani e dell’autrice del libro, Francesca Parmigiani.

il 26 gennaio, al Teatro Herberia  alle 20.30 andrà in scena “Processo a Dio” di Stefano Massini,  spettacolo teatrale che narra della vitale necessità di cercare una risposta all’atroce domanda del perché è potuto accadere, perché Dio ha lasciato che accadesse definitivamente sei milioni di volte. Il dramma si svolge nella primavera del 1945: sullo sfondo, il campo di sterminio di Maidenek in Polonia. A pochi giorni dalla liberazione, Elga Firsch, non si arrende all’insensato procedere della storia e, prima di lasciare per sempre il luogo della sua prigionia, trasforma la tragedia vissuta sulla propria pelle nella irrinunciabile necessità di affrontare Dio a viso aperto, pretendendo un risarcimento per le atrocità viste e subite. Un vero e proprio processo, che trae origine da un fatto realmente accaduto alla fine del secondo conflitto mondiale, dove il Creatore è l’imputato e gli uomini i suoi accusatori. Lo spettacolo si snoda in un crescendo d’intensità che non lascia tregua allo spettatore, imponendo una riflessione profonda e angosciante fino al finale aperto. La mise en espace è di Ciro Masella, gli attori Andrea Costagli, Davide Diamanti, Dimitri Frosali, Ciro Masella, Candida Nieri, Lorenzo Volpe.

Il 27 gennaio, alla Biblioteca Codro, alle 20.45 il gruppo di lettrici ad alta voce della biblioteca, interpreta brani del romanzo “40 cappotti e un bottone” di Ivan Sciapeconi, con accompagnamento di musica e immagini. Il romanzo narra la vicenda dei ragazzi di Villa Emma, una quarantina di giovani ebrei che nell’estate 1942 arrivano a Nonantola. Sono scappati dalla Germania nazista grazie all’organizzazione di Recha Freier e cercano di arrivare con i loro accompagnatori in Palestina. A Nonantola sono accolti, accuditi, accompagnati da un paese intero : un mondo nuovo che sembra lontano dalla guerra e dalla violenza delle camicie brune.

Il 4 febbraio, presso la Sala del Consiglio in Municipio ( accesso da via Boiardi) , alle ore 17, presentazione del libro “Il nazista e la bambina” con l’autrice e protagonista del libro Liliana Manfredi, sopravvissuta all’eccidio della Bettola.
Letture di Roberta Chesi e Claudia Montermini, accompagnamento musicale di Andrea Gambarelli