Raccolta firme per referendum o leggi di iniziativa popolare

Presso lUfficio Relazioni con il Pubblico è possibile dare la propria adesione a quesiti referendari e proposte di legge ad iniziativa popolare.

Iniziative in corso: 

  • referendum abrogativo dal titolo: “Separazione delle carriere dei magistrati” – comunicato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 132 del 4 giugno 2021; scadenza 30 settembre 2021
  •  referendum abrogativo dal titolo: “Limiti agli abusi della custodia cautelare” – comunicato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 132 del 4 giugno 2021;scadenza 30 settembre 2021
  • referendum abrogativo dal titolo: “Abolizione del Decreto Severino” – comunicato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 132 del 4 giugno 2021; scadenza 30 settembre 2021
  • referendum abrogativo dal titolo: “Riforma del CSM” – comunicato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 132 del 4 giugno 2021;
  • referendum abrogativo dal titolo: “Responsabilità diretta dei magistrati” – comunicato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 132 del 4 giugno 2021; scadenza 30 settembre 2021
  • referendum abrogativo dal titolo: “Equa valutazione dei magistrati” – comunicato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 132 del 4 giugno 2021; scadenza 30 settembre 2021
  • referendum abrogativo dal titolo “Eutanasia legale” – comunicato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 95 del 21 aprile – scadenza 15 settembre 2021

Deposito della modulistica di raccolta firme

Il deposito della modulistica per la raccolta firme per proposta di legge di iniziativa popolare o referendum abrogativo deve avvenire da parte di un referente del Comitato promotore o di un qualsiasi elettore che deve: 

  • fornire i moduli cartacei (se non già vidimati, provvede il Segretario comunale);
  • indicare la data ultima per la raccolta  delle firme autenticate
  • impegnarsi a ritirare la modulistica e le eventuali certificazioni al termine della raccolta.

In allegato è fornito il modulo di richiesta del deposito.

Compiti del Comune
Come confermato dal Ministero dell’Interno (nota della Direzione centrale dei Servizi elettorali n. 17287 del 16 ottobre 2015), relativamente alle raccolte di firme i compiti del Comune sono:

  • vidimazione dei moduli da parte del Segretario comunale e loro restituzione entro due giorni ai presentatori (art. 7 della legge 352/1970);
  • messa a disposizione negli orari di apertura degli uffici di funzionari abilitati all’autenticazione delle sottoscrizioni (art. 8 della legge 352/1970);
  • rilascio delle certificazioni elettorali (art. 8 della legge 352/1970).

Di conseguenza il Comune NON provvede a:

  • stampare i moduli di raccolta firme;
  • affiggere manifesti che propagandano la raccolta delle firme;
  • richiedere certificazioni di elettori iscritti nelle liste elettorali di altri comuni;
  • spedire con oneri a proprio carico i certificati elettorali o la modulistica al termine della raccolta delle firme.

Riferimenti normativi
– articoli 71, 75 e 138 della Costituzione della Repubblica Italiana;
legge 25 maggio 1970, n. 352.