Tariffa puntuale – Riduzioni, agevolazioni e sconti previsti per le Utenze NON domestiche

Il regolamento per la disciplina della tariffa rifiuti  prevede diverse riduzioni e agevolazioni (titolo II dall’art. 16 al 40). Riportiamo di seguito alcune delle agevolazioni previste per le utenze non domestiche.

RIDUZIONI COVID TARIFFA RIFIUTI 2020 

Sulla base dei principi contenuti nella delibera n.158/2020 di ARERA (Autorità di regolazione Energia, reti, Ambienti), l’amministrazione ha deliberato ( Deliberazione n. 39 del 29/07/2020) per  l’anno 2020 l’applicazione di riduzioni della Tariffa Rifiuti per le attività economiche interessate da periodi di chiusura causa COVID con i criteri sotto descritti.
Le Utenze non domestiche sono state classificate sulla base ai codici ATECO, richiesti alla Camera di Commercio di Reggio Emilia, coerentemente con la suddivisione prevista nell’allegato 1 della delibera di ARERA.
Nello specifico le Utenze non domestiche sono state classificate in tre macrogruppi:
1. Attività che hanno avuto periodi di chiusura ben definiti stabiliti da provvedimenti governativi o regionali, e attività con codici ATECO previsti dalla delibera ARERA che potevano risultare sospese, parzialmente o totalmente anche per periodi di durata diversa che hanno comunque risentito negativamente degli effetti economici negativi legati alla pandemia da Covid-19. Per tali utenti ARERA proponeva un’agevolazione minima obbligatoria pari a circa il 25% del totale della quota variabile della Tariffa Rifiuti annuale ed il Comune ha stabilito una percentuale di riduzione del 30%;
2. Attività che non hanno mai avuto sospensioni dell’attività a cui non spettano agevolazioni tariffarie;
3. Attività i cui Codici ATECO non sono previsti dalla delibera di ARERA ma con categorie riconducibili a fattispecie agevolate in quanto anch’esse hanno avuto periodi di chiusura anche se non stabiliti da provvedimenti governativi. In questo caso è stata prevista dal Comune l’applicazione di un’agevolazione pari al 15% della quota variabile per periodi di sospensione pari od inferiore ad un mese e del 25% per periodi di chiusura superiori.

Mentre alle aziende del primo gruppo la riduzione è stata applicata dal soggetto gestore IREN Ambiente spa in automatico nella prima rata della Tariffa, alle società del terzo gruppo il Servizio Tributi aveva inviato nel mese di luglio una PEC con allegato un modulo in cui veniva richiesto di specificare la durata del periodo di sospensione dell’attività, modulo che andava restituito all’ufficio stesso via mail all’indirizzo: tributi@comune.rubiera.re.it. La compilazione di tale dichiarazione era ed è indispensabile per la corretta applicazione della riduzione.Per ogni informazione ci si può rivolgere all’Ufficio Tributi ai numeri 0522/622267- 622268.

Riduzioni per avvio autonomo a riciclo (Art. 16)
Per le utenze non domestiche produttrici di rifiuti speciali assimilati agli urbani, che dimostrano di aver avviato al riciclo, direttamente o tramite soggetti autorizzati, i propri rifiuti speciali assimilati, è applicata una riduzione così determinata:

– la tariffa è ridotta, per la sola quota variabile non misurata, proporzionalmente alle quantità di rifiuti assimilati che il produttore, mediante esibizione dei formulari o attestazione rilasciata dal soggetto che effettua l’attività di recupero, comprova di avere avviato al recupero medesimo. La riduzione di cui sopra è riconosciuta su richiesta dell’utente da presentare annualmente entro il 31 di Gennaio dell’anno successivo.

Riduzioni per il compostaggio individuale attività agricole e vivaistiche (Art. 19)
All’utenza non domestica che effettua il compostaggio aerobico individuale per residui costituiti da sostanze naturali non pericolose prodotti nell’ambito delle attività agricole e vivaistiche è applicata una riduzione della Tariffa pari al 20% per la quota variabile non misurata della tariffa;
Le riduzioni di cui ai commi 1 e 2 sono riconosciute su richiesta al Gestore da parte dell’utente che è tenuto a compilare un’istanza di autocertificazione secondo il modello predisposto dal Gestore nella quale si impegna a compostare la frazione organica prodotta e consente esplicitamente le verifiche e i controlli da parte del Gestore. La riduzione decorre dalla data in cui è iniziata la pratica del compostaggio.
Il Gestore può in qualunque momento verificare quanto dichiarato dall’utente. In caso di cessazione dell’effettuazione della pratica del compostaggio l’interessato è tenuto a darne formale comunicazione al Gestore entro i termini stabiliti all’art. 41, riconsegnando altresì la compostiera se ricevuta in dotazione.

Riduzioni a favore di attività che si insediano nel centro storico (Art. 26)
Per i primi tre anni di attività, decorrenti da quello in cui viene presentata la denuncia iniziale di attività ai fini tariffa, i titolari di partita I.V.A. per le attività di cui al presente articolo, sono esentati dal pagamento della tariffa.
Possono usufruire delle agevolazioni di cui sopra i titolari di nuovi esercizi per le attività commerciali di vicinato (con superficie uguale o inferiore ai 250 mq.), purché esercitate nella zona circoscritta al centro storico del territorio comunale (come definito dagli strumenti urbanistici e come delimitato da planimetria allegata al  Regolamento per la disciplina della tariffa rifiuti). Per titolare d’impresa si intende sia la ditta individuale che la società eventualmente costituita.Non rientrano nella definizione di nuovi esercizi e quindi sono esclusi dall’esenzione le variazioni di denominazione o ragione sociale e le trasformazioni di Società. L’agevolazione spetta sia per le attività di nuova costituzione che per quelle che intendano trasferirsi dalla zona periferica a quella centrale.  L’agevolazione spetta sia per le attività di nuova costituzione che per il subentro ad attività già avviate. L’esenzione di cui sopra, è concessa su istanza dell’interessato, da presentarsi contestualmente alla dichiarazione di inizio tariffa, su apposito modello predisposto mediante il quale il soggetto attesterà anche la sussistenza delle condizioni di diritto e di fatto di cui ai commi precedenti.
TARIP_modulo agev.ni centro storico.pdf

Riduzioni per la donazione delle eccedenze alimentari (Art. 28)
È riconosciuta una riduzione della tariffa all’utenza non domestica che in via continuativa devolve ai soggetti donatari di cui alla lett. b) del comma 1 dell’art. 2 della legge 19 agosto 2016, n. 166 le eccedenze alimentari idonee al consumo umano disciplinate dalla medesima legge ai fini della ridistribuzione a soggetti bisognosi.È riconosciuta una riduzione della Tariffa all’utenza non domestica che in via continuativa devolve le proprie eccedenze alimentari non idonee al consumo umano di cui alla legge 19 agosto 2016, n. 166 per alimentazione animale qualora idonee a tal fine. Il riconoscimento delle riduzioni di cui ai commi 1 e 2 è subordinato alla presentazione al soggetto Gestore, entro il 31 gennaio dell’anno successivo, di un dettagliato elenco delle quantità di prodotti devoluti nell’anno precedente completo del peso conferito, allegando copia di apposita documentazione. In alternativa, nei medesimi termini decadenziali, il soggetto richiedente può produrre apposita autocertificazione al Gestore.

Riduzioni per la donazione di prodotti non alimentari (Art. 29)
È riconosciuta una riduzione della Tariffa all’utenza non domestica che in via continuativa devolve ai soggetti donatari di cui di cui alla lett. b) del comma 1 dell’art. 2 della legge 19 agosto 2016, n. 166, ai fini della ridistribuzione a soggetti bisognosi, prodotti non alimentari di cui alle lettere d), e) del comma 1 dell’art. 16 della legge 19 agosto 2016, n. 166 derivanti dalla propria attività nel rispetto delle disposizioni previste nel medesimo articolo. Il riconoscimento delle riduzioni di cui ai commi 1 e 2 è subordinato alla presentazione al soggetto Gestore, entro il 31 gennaio dell’anno successivo, di un dettagliato elenco delle quantità di prodotti devoluti nell’anno precedente completo del peso conferito, allegando copia di apposita documentazione. In alternativa, nei medesimi termini decadenziali, il soggetto richiedente può produrre apposita autocertificazione al Gestore.

Riduzioni per l’utenza non domestica che promuove il doggy-bag/family bag nella ristorazione commerciale (Art. 32)
È riconosciuta una riduzione della Tariffa all’utenza non domestica della ristorazione commerciale che promuove presso i propri esercizi la diffusione del doggy bag/family bag per l’asporto del cibo avanzato da parte dei clienti ed abbia ottenuto formale riconoscimento della pratica nell’ambito di accordi istituzionali finalizzati alla riduzione dei rifiuti e degli sprechi alimentari. La riduzione di cui al comma 1 è determinata con una riduzione del 5% della quota variabile non misurata. Il Gestore si riserva di effettuare controlli.

Riduzioni per l’utenza non domestica che dismette apparecchi con vincita in denaro (Art. 33)
Alle attività di pubblici esercizi (bar, ristoranti, pizzerie, birrerie, ecc.), gelaterie, pasticcerie e simili del capoluogo o delle frazioni, che dismettano nel corso dell’anno apparecchi di video poker, slot machine, videolottery o altri apparecchi con vincita in denaro, è applicata una riduzione del 30% della quota variabile non misurata della tariffa.
Tale agevolazione:
– opera esclusivamente nei confronti dei contribuenti che, alla data della domanda, risultino regolari (non presentino pendenze) nel pagamento dei tributi comunali (compreso quello sui rifiuti) e delle sanzioni amministrative applicate dal Comune.
– è riconosciuta, su richiesta di parte da presentare, entro il 31 gennaio dell’anno successivo rispetto a quello per il quale si chiede l’agevolazione, al Comune corredata da idonea documentazione dalla quale risulti la sussistenza dei presupposti per l’accesso al beneficio ovvero da apposita dichiarazione sostitutiva di atto notorio ai sensi del D.P.R. n. 445/2000 attestante i requisiti necessari all’ottenimento della stessa.Nel caso in cui si rimettano apparecchiature con vincite in denaro occorre presentare la dichiarazione cessazione agevolazione per dismissione apparecchi con vincita in denaro
TARIP_modulo dism. apparecchi vincite.pdf
TARIP_modulo dism. apparecchi vincite.odt
TARIP_modulo cessazione dism. apparecchi vincite.pdf
TARIP_modulo cessazione dism. apparecchi vincite.odt

Riduzioni a favore di strutture di ricovero per gatti (Art. 34)
Alle strutture destinate a ricovero per gatti gestite da Associazioni non aventi fini di lucro con apposita convenzione, in possesso della debita autorizzazione, viene concessa un’agevolazione della tariffa non prevedendo l’ addebito delle vuotature eccedenti i minimi previsti annualmente dalla deliberazione.Il riconoscimento delle riduzioni di cui ai commi precedenti è subordinato alla presentazione al Comune, entro il 31 gennaio dell’anno successivo, di apposita richiesta debitamente documentata. Il Comune si riserva di effettuare controlli. Previsto altresì il caso di dismissione della riduzione con la presentazione della dichiarazione cessazione agevolazione a favore di Associazioni che gestiscono strutture di ricovero gatti.
TARIP_modulo ricovero gatti. pdf
TARIP_modulo ricovero gatti. odt
TARIP_modulo cessazione ricovero gatti.pdf
TARIP_modulo cessazione ricovero gatti.odt

Riduzioni per particolari tipologie di utenza non domestica (Art. 36)
Per l’utenza non domestica che, in ragione della propria attività (es. case di cura e di riposo per anziani, ospedali, asili nido), produce in via continuativa rifiuti costituiti da pannolini pediatrici e/o pannoloni per incontinenza “usa e getta” e in considerazione della particolarità del rifiuto assimilato prodotto e dei vincoli igienico sanitari presenti nelle strutture sanitarie, è riconosciuta una riduzione della Tariffa applicando la percentuale di sconto del 50 % del costo delle vuotature eccedenti le minime, relativamente alle vuotature dei contenitori adibiti alla raccolta della frazione residua. La riduzione di cui al comma 1 è riconosciuta su richiesta dell’utente con dichiarazione presentata nella data in cui si verificano le condizioni soprariportate.
TARIP_modulo riduzione case di riposo e asili.pdf
TARIP_modulo riduzione case di riposo e asili.odt

Tabella riepilogativa delle fonti aziendali (costituite dai collegamenti al sito Internet) presso cui è possibile attingere le informazioni rilevanti – obblighi in materia di trasparenza da parte di Iren S.p.A.

AUSL di Reggio Emilia - Servizio Igiene Pubblica Scandiano

Referente:
Segreteria
Indirizzo:
via Martiri della Libertà 8 - Scandiano
Tel.: ☎
0522 850560 (per certificazioni)
0522 850433 (per vaccinazioni e viaggi internazionali)